link del lamento di un parroco

http://voxnews.info/2016/08/23/parroco-mai-piu-imam-in-chiesa-immigrati-trattati-meglio-italiani/

 

“In questa Chiesa mi sento confuso, su molte cose Socci ha ragione. Non voglio un Imam  sull’ altare”. Lo dice in questa intervista don Arnaldo Combi sacerdote ad Orbetello,

parrocchia Maria Santissima delle Grazie il quale certifica un certo disorientamento nella Chiesa cattolica.

Don Arnaldo, che cosa ha significato la presenza degli  islamici alle messe?

” Lo dico con sincerità: non voglio un imam sull’altare come è avvenuto, e spero che non accada mai più, non ha senso, questo vuol dire confondere menti ed acque.

 Cristianesimo ed islam sono religioni distinte e poi la messa è una cosa seria”.

Eppure si è scelto di fare partecipare alle messe ( leggendo il Corano) esponenti della religione musulmana…

” Una sceneggiata. Invece di queste cose, gli islamici dimostrino con i fatti e gli atti concreti che disapprovano il terrorismo. Bisogna finirla con la retorica dell’islam di pace, non è così.

Sicuramente esistono anche islamici pacifici e non violenti, però quella religione da sempre ha cercato di imporsi con la forza ed è oggettivamente legata alla conquista e alla sottomissione degli infedeli e noi siamo questo per loro”.

C’è una guerra di  religione in atto?

” Chi dice il contrario o è in malafede o è disinformato. Questi soggetti uccidono inneggiando ad Allah, sostenere come si dice che anche i cattolici sono violenti o lo sono stati è impreciso.

Francamente dal Papa mi sarei aspettato e mi aspetterei qualche parola in più a difesa dei cristiani perseguitati e magari su Asia Bibi. Penso che su tante cose lo scrittore Antonio Socci

abbia ragione, da lui dissento sulla storia del Conclave. Per quanto riguarda la chiarezza delle posizioni, rimpiango Benedetto XVI. Oggi come sacerdote e uomo di Chiesa, pur rispettoso del Papa,

mi sento confuso  da certe posizioni di Bergoglio. Non capisco dove voglia arrivare. Nella Chiesa esistono malumori e un certo malcontento. Probabilmente manca di prudenza in qualche dichiarazione,

il suo compito è custodire la fede. Mi preme ricordare: io non voglio più imam nelle  Chiese. Sono disposto ad incontrarli al bar, al ristorante o alla biblioteca, ma nella Chiesa o alla messa no”.

Migranti, siamo in emergenza?

” E’ una vera emergenza, una invasione. Stiamo esagerando, li trattiamo meglio degli italiani e spesso sono anche arroganti, buttano il cibo, vogliono scarpe firmate, e il wifi. Non credo che in

Africa avessero tante comodità. A livello di politica  stiamo privilegiando i migranti rispetto agli italiani”.